Archivi categoria: Poesia

X Agosto


Questa poesia di Giovanni Pascoli è sempre stata la mia preferita, una delle poche che ancora ricordo bene a memoria.
Mi sarebbe piaciuto poterla recitare la notte di San Lorenzo nel buio della spiaggia, guardando lo spettacolo delle stelle cadenti e cercando di esprimere qualche mio desiderio recondito.
Invece no. Il mio 10 di agosto è stato tutto fuorchè un buon giorno.
“X Agosto”, però, è una poesia triste e forse quella sera le “lacrime di San Lorenzo” erano un po’ anche per me.

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.

Ritornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de’ suoi rondinini.

Ora è là come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.

Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido
portava due bambole in dono…

Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano

E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
Oh! d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male!

Annunci

E’ difficile fare le cose difficili


Ho sentito per caso questa poesia alla tv e me ne sono subito innamorato.

LETTERA AI BAMBINI

È difficile fare
le cose difficili:
parlare al sordo,
mostrare la rosa al cieco.
Bambini, imparate
a fare le cose difficili:
a dare la mano al cieco,
cantare per il sordo,
liberare gli schiavi
che si credono liberi.

Gianni Rodari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: